mercoledì 20 marzo 2013

di suddetti passeggini

Questa è la storia di un passeggino.
Uno di quelli completi, con tutti gli accessori, con tutte le cosine al posto giusto, un tipo superaccessoriato.
Pezzo per l'automobile, pezzo per la culletta, pezzo per il passeggio, ruote con gli ammortizzatori, freni e frizione.
Perfetto.
Nuovo.
Bello e firmato.
Che ci fa un passeggino strafico a casa di allafinearrivamamma?
Infatti non ci fa niente.
All'inizio di questa storia, il suddetto ci viene proposto in regalo.
Noi due ingenui, reduci dal primo aborto, accettiamo. I nostri amici ci dicono che a loro lo hanno regalato nuovo ma che loro ne hanno già uno e che è troppo fico e che insomma se lo vogliamo è nostro. Ci guardiamo e diciamo di sì subito.
Stra-fico davvero.
Il suddetto viene avvolto in plastica e tutto profumato viene parcheggiato in soffitta, certi che di lì a poco sarebbe stato riesumato.
Il resto della storia la conoscete.
Il suddetto prende polvere per tre anni, quasi quattro.

Con la partenza del mio ultimo cavaliere, mi ricordo dell'attrezzo firmato e lo voglio riesumare, per sbarazzarmene.
Mi rendo conto che questo oggetto è un peso sulla mia speranza e che quindi va eliminato insieme ad un sacco di altra roba.
Un peso sulle nostre teste, perchè, oltre al fatto che è in soffitta, rappresenta una me che non c'è più. Una mamma meno mamma di quello che sono ora, una donna meno consapevole e più disillusa e più ingenua.

Non lo volevo più con me il suddetto, ho sentito il bisogno di disfarmene perchè non centrava più nulla con quello che siamo diventati e perchè se sarà, quando sarà, i miei cavalieri avranno un passeggino meno fico ma preso per loro.
Solo per loro, quando saranno qua.

E così, oggi, sotto la pioggia, dopo una giornata di lavoro e una decisione presa a cuore aperto, abbiamo incontrato delle persone che si sono presi il suddetto e lo hanno portato via. Andrà ad un altro bambino, forse già nato, forse no, non lo sappiamo. Uno scambio tra sconosciuti. Una stretta di mano, la pioggia che cadeva battente, il mio cuore in tumulto che salutava un passato che non voglio rivivere più.

E così, oggi, salutiamo il passato e accogliamo il futuro.
E così, tra poco, pochissimo, davvero pochissimo, i miei bambini torneranno a casa.

Nella mia pancia.

Verranno risvegliati dal gelo e conosceranno la culla che non ha visto il loro concepimento.

Mi conosceranno e spero mi riconosceranno.
Tra poco.

E lo scrivo quasi sussurrandolo dando spazio ad un'emozione che mi fa tremare il cuore e quasi me lo fa scoppiare.


28 commenti:

  1. oh ma in bocca al lupo!!!!!!
    pensero' tanto ai tuoi piccoli e mandero' pensieri positivi che tutto vada per il meglio!

    mi spiace per il passeggino... ma capisco che e' un po' un "rito di passaggio" :-/

    RispondiElimina
  2. Hai fatto bene, sai? Arriva un momento, successe anche a me, che certi oggetti sembrano sprigionare un'energia negativa.
    Incrocini Annina, siamo con te!

    RispondiElimina
  3. Hai fatto benissimo, è un gesto sano.
    Ti/vi penso.

    RispondiElimina
  4. Oh Anna! Sono con te durante questa nuova primavera.

    (A parte il fatto che concordo con Clara, altro che passeggino super accessoriato... meglio una bella fascia! Permettimi questa nota leggera e positiva).

    RispondiElimina
  5. Anna, approvo anche io la scelta.
    Ti sono vicina

    RispondiElimina
  6. Spero che il sole che finalmente stamattina è spuntato illumini la tua primavera e ti porti tanta fortuna, a te e ai tuoi cavalieri. E per il passeggino, quando sarà, lo ricomprerai, più bello e più tuo!

    RispondiElimina
  7. In bocca al lupo........................

    RispondiElimina
  8. Siete stati incredibilmente forti ad aspettare tutto questo tempo invece... Per il resto io ti penso sempre tanto, ma tanto.
    Clara V

    RispondiElimina
  9. Oooh snow babies, oh yes, sono tutta incrociata per voi!!

    RispondiElimina
  10. Forza!!! e pensieri positivi!!!
    e per il passeggino... hai fatto benissimo!!!
    che te ne fai di uno singolo??????? ;-)


    un bacio grande
    Annalisa Benassi (trilli)

    RispondiElimina
  11. immagino la sensazione di liberazione e l'emozione per il nuovo passo. Un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Hai fatto benissimo anche secondo me, liberarsi di certi oggetti materiali è liberatorio e apre nuove vie (o, nel mio caso, chiude definitivamente la porta, ma è
    un gesto ugualmente necessario e sano!).
    Tutto sintonizzato su un nuovo inizio con grande emoscion, sa di primavera e vero
    rinnovamento. Hai avuto la Benedizione di Papa Francesco, ricordalo!
    Buona domenica, e buon pranzo!
    Love XXL Sandra la milanese

    RispondiElimina
  13. Hai fatto bene, e piacere di conoscerti, in bocca al lupo...

    RispondiElimina
  14. più leggeri
    almeno dove e come si può..

    RispondiElimina
  15. un ingombro in meno...
    e tanti incrocini per te!!!

    RispondiElimina
  16. penso invece che la tua sia stata una scelta saggia.. gli oggetti materiali ci ricordano ogni giorno cosa dobbiamo fare, quale sia il nostro scopo di vita..
    tanti incroci per te..

    RispondiElimina
  17. Anna, dolcissima Anna. hai fatto bene! Magari al momento da qualche parte, un bimbo potrà utilizzarlo e poi Dio ci penserà...al tuo! Ti abbraccio forte, come sempre!

    RispondiElimina
  18. hai fatto benissimo! Oggi è primavera, aria nuova, solo belle novità. in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  19. Hai fatto bene. Io ho il passeggino di Alby nella sua camera, inscatolato, con la culla incellophanata. Li vorrei torgliere, portare via...ma non ci riesco. Loro sono quello che rappresnetava...e che spero presto possano essere utilizzati per davvero. Io confidop in questa primavera, con te e per te. Un bacio

    RispondiElimina
  20. In bocca al lupo di cuore Anna. Piera e Giulia

    RispondiElimina
  21. oh anna, sei stata bravissima... io ormai certe cose che conservano ricordi e segnano un tempo che è stato ho preso l'abitudine di bruciarle. è stata una scelta meravigliosa per chiudere la porta. ti abbraccio!

    RispondiElimina
  22. solo cose nuove, per un'avventura tutta nuova e con un finale diverso!!
    dita e tutto l'incrociabile incrociato!!

    RispondiElimina
  23. L'ultima frase è bellisssima..
    Mi hai fatto venire i brividi!

    RispondiElimina
  24. brividi anche io...baci.
    Maria Grazia

    RispondiElimina
  25. Sì sì aria aria...fai spazio ...spazio dentro casa e lo spazio dentro di te pronto ad accogliere il nuovo. Forza!! Willy

    RispondiElimina
  26. questa è una bellissima storia di sedia...

    RispondiElimina

grazie per essere qui.