lunedì 15 ottobre 2012

quinto passo: buttati...ti prendiamo

- Gonal tra gli yoghurt 2012 - 
autore: allafinearrivamamma
tecnica: fotografia digitale da telefonino




giovedì ore 9.30 pick up

Siamo arrivati.
Abbiamo camminato sin qui.
Non siamo affaticati. Non abbiamo il fiatone come le altre volte.
stiamo salendo una scala e siamo quasi arrivati a metà.
In cima ci sei tu, che ci aspetti, che hai paura a scendere.
Stiamo salendo sin lassù per venirti a prendere.
Ci vedi?
Ci vedi?
Stiamo arrivando.
Non più nebbia tra noi.

Otto follicoli a destra tutti intorno ai 18 mm.
Ci siamo. Siamo pronti per il punturone del GONASI.
Tra mezzora ultima puntura di GONAL. La quattrordicesima.
Trentotto punture di soppressore.
Sei punture di antagonista.
Lacrime.
Paura.
Ansia.
Siamo arrivati.
Niente follicoli a sinistra. Il mio ovaio strapazzato non ce l'ha fatta.
Il dottore è agitato e incazzato dice lui.
Gli chiedo perchè.
Perchè ho risposto come con un ovaio da ventenne ma ho metà delle possibilità. Potevano essere sedici.
Invece sono otto. Magari poi il gonasi ci riserva qualche sorpresa, chissà.
Gli otto cavalieri a cavallo, che giovedì passeranno per un tubo di metallo e combatteranno con la spada e lo scudo. Chissà chi vincerà l'incontro con lo spermatozoo errante. Chissà se ci saranno vincitori. Chissà chi sopravviverà all'incontro. Chissà chi si trasformerà in mio figlio.

Siamo arrivati sin qua.
E ora bisogna crederci.
Tra poco la parte più difficile per me fisicamente finirà e poi non potrò più nascondermi.
Bisognerà che io ci creda.
Bisognerà che io faccia pace con il mio corpo stanco.
Bisognerà che io impari a pregare e a chiedere per una volta di essere ascoltata.
Saprò essere all'altezza di questo?
Saprò chiedere che la vita ritorni ad abitarmi ancora?
Imparerò a farlo.
Imparerò di nuovo a sperare e a dare spazio e fiducia a questo mio corpo che potrebbe essere il veicolo per il passaggio qui su questa terra.
Dovrò farlo.
Dobbiamo ringraziare ogni singolo momento vissuto sin qua.
Ogni minuto di dolore e di speranza e tutta l'intensità di vita vissuta fino ad oggi.
Dobbiamo respirare e ringraziare per questo.
Per quello che oggi siamo.
Per quello che ieri abbiamo vissuto.

Ci siamo.

Buttati.
Ti prendiamo.



15 ottobre: giornata di consapevolezza dedicata ai bimbi non nati. 
Perchè un bimbo non nato rimane comunque un figlio. 
Per i nostri cinque angeli, per quello che ci hanno donato in questi anni.



19 commenti:

  1. Va benissimo Anna, otto bastano e avanzano, continua cosi, yohooooo!!

    RispondiElimina
  2. Ti dedico questa immagine. L'intenzione dell'autore era diversa, ma la si puo' leggere e sentire in tanti modi diversi. Che ti sia di buon auspicio:
    http://www.lifesitenews.com/news/heart-rending-young-slovakian-sculptor-captures-post-abortion-pain-mercy-an/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh cara!!
      sai che conoscevo molto bene questa opera?
      L'aveva presentata CiaoLapo come monumento al bambino mai nato...
      commovente e bellissima.
      Ti ringrazio moltissimo

      Elimina
  3. Cara Anna, la tua forza unita alla tua dolcezza riesce sempre a farmi commuovere...che il tuo desiderio possa avverarsi prestissimo. un abbraccio...e dita incrociate per il pick up

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gnappetta cara!
      grazie per le tue parole, ho bisogno di tutte ora, grazie per essere qui!

      Elimina
  4. jamme jamme n'coppa jamme jà

    FOLLICOLI' FOLLICOLA'
    FOLLICOLI' FOLLICOLAAAAA'

    si lo so che sono scema
    ma sono esaltatissima!

    bacio

    Adelia

    RispondiElimina
  5. Anna cara ricordati sempre che ne basta uno! Su, su ragazzi, muniti di cavallo e mantgello. Via a combattere contro il drago, fatevi largo e arrivate a destinazione. C'è gente che vi aspetta, qui, mica scherzi.
    Ti abbraccio forte, forte, fortissimo.
    Raffaella

    RispondiElimina
  6. Ma sì, vanno benissimo. L'incazzatura lasciala ai medici, il corpo è il tuo e produce bene :-)

    RispondiElimina
  7. Tesoro grande, sono con te..

    RispondiElimina
  8. Che produzione da pischella! Brava brava...adesso mettiti comoda e prepara la stanza. :)

    RispondiElimina
  9. anna noi ci siamo riusciti con soli due follicoli buoni...quindi con otto le probabilità salgono.. un bacio!!!

    RispondiElimina
  10. Otto :-)))) Il giorno di nascita di Diego. 08/08
    A me piace l'8.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh mamma mia quante coincidenze!
      anche Clara ha la sua versione sull'8!
      e in effetti anche io, visto che l'8 è fra i simboli più antichi: è il numero della rosa dei venti, ma anche della Torre dei Venti ateniese e, ancora, dei petali del loto e perciò, nella terminologia buddista, dei sentieri della Via.
      E dell'infinito...

      mamma mia...!

      Elimina
  11. Ci sono ci sono eccomi! Si, lasciati andare, guarda quante braccia pronte a sostenerti, ti teniamo noi :)
    Sono emozionata e commossa, prego e spero con te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco!
      io faccio da ariete...
      la vedi la strada che ti sto preparando nina?
      così sarà meno faticoso (spero) il cammino...

      Elimina
  12. Otto! Mi piace! Siiiiiiiiiiii! Io metto tutte le braccia di casa a sostenerti, buttati sicura! Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. silvia tesoro, sandra mi ha portato i tuoi saluti!
      ma noi non ci vediamo?

      cmq...è nevischietto che si deve buttare!
      io mi sarei già buttata da un pezzo!
      è quell'impunito che non scende!
      mi tocca andarlo a prendere!
      cominciamo bene...

      Elimina
    2. Giusto......e' lui che si deve lanciare, tu ti sei lanciata da un pezzo!!!!!
      Sandra e' una forza, molto piu' di quanto immaginassi! E se fossi un pochino piu' vicina correrei da te subito, ci sarebbe un bellissimo scambio di coraggio! Ma prima di quanto pensi ci vediamo, promesso!

      Elimina

grazie per essere qui.