martedì 2 giugno 2015

Sarà, se sarà, perchè è così che devono andare le cose.

Sono calma, di quelle calme senza respiri.

Una settimana insieme.
Quei tre mocciosetti sono con me da una settimana.
Non ci parliamo molto.
Io li sento la notte, quando le voci si placano e le luci non ci spaventano.
Metto la mano lì e li sento.
Ho imparato ad usare l'energia delle mani grazie allo yoga in questi anni, e ora le uso così.
Stanotte, ce la siamo spassata, noi quattro, così.
Le giornate sono lente, le ore scandite da medicine e da punture, ma questo lo sapete.
Non mi lamento.
Di queste medicine non ho paura.
Dormo spesso durante il giorno, e ho fame, continuamente.
Non ho molto lavoro.
Ho fermato il mondo e le conseguenze sono che non ho scampo. Il mio lavoro ora è quello di custodirli e di tenerli qui, niente altro può essere più importante.
Durante il giorno, i sintomi da ciclo vanno e vengono, il mio umore con loro.
Non ci si potrà mai abituare all'altalena del post transfer, nemmeno una veterana come me può farlo davvero.
Ma sono calma, differentemente dai precedenti post transfer, dove uno stato di agitazione mi chiudeva la gola e non mi faceva dormire.
Stavolta, dormo, e non vedo l'ora di farlo, per incontrarli nei miei sogni.

Non so davvero se ci sono o se mi hanno lasciata. La paura mi blocca, quella sì, è rimasta.
Non so cosa farò poi se mi lasceranno, sono forte ma non ho un piano B. Lo progetterò al momento.
Non li immagino.
Sono lontana da tutto ciò che potrebbe costruire un rapporto con loro che mi renderebbe ancora più dipendente di quello che già sono.
Una settimana fa sono stata felice.
Di una felicità intensa, profonda. Una sensazione che non provavo da tanto tempo.
Sono stata felice e per ora mi basta.
Se vivi così, e scegli di vivere così, è tanto, perchè riesci ad assaporare cose che prima nemmeno vedevi.
Piangerò e mi straccerò le vesti, o probabilmente come prima battuta, non scriverò più, chiuderò questo blog, mi sentirò stanca e getterò la spugna, se loro dovessero lasciarmi. Ma tanto ormai, chi legge, lo sa come sono, e sa anche che tornerò poi, con il piano B in mano.
Ho imparato a rispettarmi, prima di rispettare gli altri.
Che suona male così come è messa, ma se non lo hai mai fatto, fai male a te stessa. Ed io, per gli altri, mi sono fatta molto male.
Non chiedo più.
Oggi è il compleanno di Filippo. Il mio angelo è con me, il suo sorriso mi accompagna tutte le mattine ad iniziare questi giorni così lenti e difficili.
Non dipende da me.
Non dipende da nessun altro.
Sarà, se sarà, perchè è così che devono andare le cose.

22 commenti:

  1. Per incontrarli nei miei sogni......e non solo! Forza mamma meravigliosa!!

    RispondiElimina
  2. Facciamo il tifo. Con un sorriso.

    RispondiElimina
  3. Si,un tifo da stadio...un abbraccio. Eleonora

    RispondiElimina
  4. Tifo e sostengo il piano A, un piano meraviglioso!

    RispondiElimina
  5. FORZA FORZA FORZA!
    Vi pensiamo sempre!!!
    Elena.. e confettino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ps. quando hai le beta?

      Elimina
  6. Palla di magone connessa. -Willy

    RispondiElimina
  7. ♡♡♡Ci siamo lontani, ma ti abbracciamo forte io e la mia famiglis....tifo virtusle.

    RispondiElimina
  8. Calma senza respiri anch'io :-*

    RispondiElimina
  9. Stai andando alla grande...la seconda settimana è sempre la più difficile ma tu la stai affrontando al meglio. Speriamo con te!!!

    RispondiElimina
  10. Calma senza respiri anch'io :-*

    RispondiElimina
  11. Un enorme in bocca al lupo!!! W il piano A. Michela G

    RispondiElimina
  12. Come state?
    Elena

    RispondiElimina
  13. ciao Anna, spero stia andando tutto bene. Dita ancora incrociate per voi
    Serena

    RispondiElimina
  14. Buongiorno, Passo per salutarvi e ringraziarvi che siete sempre qui.
    Stiamo bene.
    Attendiamo ancora.
    Senza respiri.
    Prossima settimana.
    Non le farò prima stavolta, non voglio farle prima.
    Domani sono due anni che la mamma di mio marito non c'è più, quindi, il giorno sarà per lei, nella speranza possa intercedere per noi.


    Grazie ancora a voi.
    :-)

    RispondiElimina
  15. dita incrociate anche dal belgio!

    francesca

    RispondiElimina
  16. Sei la prima persona per cui spero che la vita realizzi e materializzi il tuo essere mamma.
    Un bacio a voi tutti***

    RispondiElimina
  17. Ho letto i tuoi ultimi post con il mantra Gobinday Mukunday in sottofondo ed è stato tutto magico: scoprire dei tuoi figli, riascoltare quel mantra e leggerti una donna nuova, una mamma nuova.
    La mia anima è con la tua.

    RispondiElimina

grazie per essere qui.