mercoledì 1 giugno 2011

Cominciamo

Cominciamo da qui.
Non ricominciamo.
Cominciamo.

Perchè? direte.
Perchè sto piano piano capendo dove sta il nocciolo della questione.
Tutto il susseguirsi degli eventi di questi interminabili ed intensi mesi mi stanno portando ad una méta che io fino ad ora non conoscevo.
Tutto questo profondo dolore mi sta regalando la conoscenza di me stessa e sto crescendo.
Per la prima volta nella mia vita, sento di aver fatto uno scatto, che mi porterà ad un cambiamento definitivo.
Di questo e per questo ringrazierò per sempre mio figlio.

Oggi pomeriggio visita dall'omeopata.
Non dirò che farò anche questa prova per riuscire ad ottenere ciò che vorrei, no. Vi dirò che quello che sto facendo lo faccio per me stessa, perchè da sola non ce la faccio ora e non ho gli strumenti per capire.
Molto interessante ciò che ne ho ricavato:
curiamo una situazione che si riassume in una parola, spasmo.
Le correlazioni ricavate dai miei racconti sono incredibili, ed io, con tutte le mie autoanalisi non me ne ero mai accorta.

Spasmo 
Lo spasmo è una contrazione improvvisa e involontaria di un muscolo (o un gruppo di muscoli), di un organo cavo o di un orifizio. È a volte accompagnato da un repentino "scoppio" di dolore ma di solito è innocuo e cessa dopo pochi minuti. La contrazione spasmodica dei muscoli può essere dovuta a un gran numero di condizioni mediche, tra cui la distonia.
Per estensione uno spasmo è un'improvvisa e temporanea esplosione di energia, attività o emozioni.
Un sottotipo di spasmo è la colica, un dolore passeggero dovuto a contrazioni della muscolatura liscia in un particolare organo (es: il dotto biliare). Una caratteristica della colica è la sensazione di doversi muovere, e il dolore può indurre nausea o vomito se molto acuto. Serie di spasmi o spasmi permanenti vengono chiamati spasmismo.


I miei spasmi di dolore in seguito alla discinesia dello sfintere di Oddi con conseguenza le coliche biliari per cui sono stata operata nel 99 e nel 2009 ( interventi entrambi a seguito di eventi dolorosi), i dolori allo stomaco da gastrite che mi hanno trafitto come un coltello, lo spasmo bronchiale che non mi fa respirare ora, o che mi fa respirare male, l'allergia aumentata (guarda caso) in questi due anni, ed infine, le gravidanze che non vanno avanti, non partono, a causa di che cosa? apparentemente per nessuna causa, se non per uno squilibrio mio interno, uno spasmo interno che sempre di più ora, si sta concretizzando come concetto.

Dunque, cominciamo da qui.
Non lo so se questa cura avrà ragione e risultati, quel che ora è importante è che sto facendo concretamente qualcosa per me stessa e per il mio equilibrio, ho toccato il fondo e con mano sto toccando le pareti dei miei errori. Questa nuova consapevolezza sarà la mia partenza.
 Ora.

5 commenti:

  1. Brava Anna, mi sembra un ottimo inizio!

    RispondiElimina
  2. aspettate a tesser le mie lodi! oggi pomeriggio incontro al vertice con il gine, risultati, riflessioni analisi abortività, terapia d'urto (spero) guerra con le armi lasera al papilloma e vittoria (ari-spero) mia!
    conclusione della giornata: seduta agopuntura.
    Che oggi noi non ci facciamo mancare mica niente!! ;-D

    RispondiElimina
  3. Cercare un figlio significa trovare se stesse.
    Sono fiera di te Anna :)

    RispondiElimina
  4. grazie nina, è un onore detto da te!

    RispondiElimina

grazie per essere qui.