venerdì 23 settembre 2011

mi manchi

ho parlato di te per due ore di seguito, e le lacrime si sono mescolate al ricordo.
sei sempre con me.
da te inizia tutto,
la volontà di diventare mamma, la volontà di vivere.
E forse è questa la ragione per cui ora non ci sei più.
Cerco il motivo, a distanza di due anni, e mi sembra di non trovarlo.
Eppure io sono diversa, da te in poi.
Sono un'altra Anna, che affronta il dolore e la felicità intensamente, tanto da sentirsi accanto a me, come fossi in vita.
Mi manchi.
E il dolore più grande è il pensiero di aver perso anni di te dietro un mondo che mi interessava di più, per ritrovarti poi, solo alla fine.
Grazie per avermi voluto con te alla conclusione della tua stagione. Non la dimenticherò mai quella telefonata.
Mi rimangono i ricordi dei particolari di te, cose inutili, che normalmente non ti segni...le tue piccole dita con le unghie trasparenti e corte, ma di quando da piccola le mordevi fino a farle diventare viola, non di quando eri già grande e le pittavi di rosso, i tuoi capelli sottili castano chiari, e come diventavano biondi al mare. Mi ricordo le lentiggini sul viso quando il sole picchiava, e la tua pelle chiara. Mi ricordo che da bambina volevo essere come te, perchè per me eri la bellezza. E in tutta la mia vita non ho fatto altro che cercare la tua approvazione, anche se eravamo diverse, anche se non mi dicevi che mi volevi bene.
Era da tempo che non parlavo di te.
L. non ce la fa. Sta male da quando te ne sei andata. Noi tre insieme avevamo un senso. Ora non c'è più. Continua a tenere ferma la sua esistenza e non fa più entrare nessuno nella sua vita. Aiutala ti prego, aiutala da dove sei, da dove sei andata a finire, come aiuti me, nella costruzione del progetto più grande della mia vita, diventare mamma, come tu a tua volta sei.
Quante volte ti ho chiesto di far scendere giù il mio angelo.
Sono qui Pam, impotente ora, passiva e sconfortata. Non è giusto, lo so. Ti chiedo aiuto, non andare via da me, il tuo ricordo mi dà la forza di reagire e di sperare, come tu mi hai insegnato.

4 commenti:

  1. Mi sono commossa. La mancanza e il lutto non finiscono mai.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Un abbraccio sincero. Quanto ci mancano le persone che non ci sono più.

    RispondiElimina
  3. Anche io mi sono commossa. Un abbraccio.

    RispondiElimina

grazie per essere qui.